Cenni Storici sul Ju Jitsu - Ju Jitsu

Vai ai contenuti
Un pò di Storia
CENNI STORICI SUL JU JITSU

Durante il periodo Tokugawa (1603-1867), terminata l’era di guerre civili iniziate nell’Epoca Kamakura (1186-1338), il Giappone acquistò un nuovo assetto territoriale e politico; l’ordine fu mantenuto dagli Shogun, soprattutto a mezzo della polizia segreta; la pace e un nuovo influsso di teorie cinesi unite al tentativo di applicare il Confucianesimo come religione di Stato, costrinsero i Samurai, che come classe militare controllava la società feudale, a dedicarsi alla cultura; lo studio delle arti marziali ed in particolare del ju jutsu, divenne modo per allenare sia lo spirito che il corpo.
Le scuole di ju jutsu nate in quest’epoca furono numerose e, pur differenziandosi per le tecniche insegnate, ebbero punti in comune, come la reverenza per l’altare Shinto nel Dojo.
Questo era il luogo dove avvenivano gli allenamenti e si apprendeva il rispetto il Bushido (codice morale del guerriero).
Tra gli altri aspetti che accomunarono le diverse scuole di ju jitsu vi era la relazione tra servo e padrone che persisteva come forma di cortesia tra l'allievo e il maestro.
Questi ed altri principi insiti nella pratica del ju jutsu, evidenziano la relazione esistente tra questa antica forma di combattimento e la cultura giapponese: il confronto diretto veniva evitato il più possibile come anche il contatto tra le parti contendenti; infatti, l’armonia era considerata di estrema importanza in ogni occasione, anche nelle negoziazioni d’affari: piuttosto che avere un sì o un no forzati, il giapponese impiegava un "awase" (stile di 
discussione, dal verbo awaseru = adattarsi a qualche cosa).
In altre parole veniva applicata la strategia del JU, quindi di adattamento ad una situazione.
Sia nel Dojo (palestra) che nella vita di tutti i giorni veniva usata l’armonia di una linea curva di movimento piuttosto la linea retta. La tattica usata nel ju jutsu era il movimento circolare, considerato non solo il più efficace ma esteticamente più piacevole.
In Giappone gli stili di ju jutsu sono accomunati dal principio che è racchiuso nel nome : JU = flessibilità, cedevolezza, gentilezza, leggerezza; JITSU = arte.
Torna ai contenuti